top head


avatar

Orkidea Nera

Nasce in una notte di piena estate del 1961, in una terra baciata dal sole e dal mare: la Sicilia, la sua "Isola che non c'è". Ha ventitre anni quando si trasferisce a Roma per amore, dove vive ancora oggi, e dove divide la sua vita tra famiglia e lavoro, sempre in lotta con se stessa e con ciò che la circonda e che non riesce a comprendere. Non ama parlare di sé, ma lo fa attraverso i suoi scritti. Il suo pseudonimo rappresenta la sua essenza nascosta. Si definisce un'anima inquieta, una penna che sa graffiare con dolcezza e accarezzare con amarezza i pensieri e le emozioni che si scrive addosso con l'inchiostro dell'anima. Così descrive la sua realtà nelle trasfusioni che i pensieri fanno sulle parole. In ordine sparso, sui battiti che s'innestano nei respiri, forse a darne un nuovo significato, forse a toglierne uno troppo doloroso in una vita che non sa vestire, forse per rileggersi, correggersi, accettarsi, o ritrovarsi, nel suo mondo oscuro, introspettivo, controverso, discordante, che spinge a riflettere chi riesce a leggere tra le righe. Lei è così, diversa da ogni apparenza che non le appartiene, precipitata nei suoi crampi d'anima, inversa a ogni logica nel cercare d'essere se stessa in un mondo che non accetta.

Pubblicazioni:
Il Taccuino Rosso - 2014 - (Ed. Eroscultura)
Declinando l'Eros - Poesie - Raccolta - 2015 - (Ed. Eroscultura)